domenica 29 aprile 2012

Sunday Morning


Eccomi qui, davanti a una domenica 
preludio di un lungo ponte






Questa mattina mi sono svegliata col piede giusto e ho fatto un compromesso fra fatto in casa e tutto già pronto. Ho preso un tondo di pasta brisé già fatto e ho realizzato delle briochine (semi)casalinghe.


Ho preso il tondo di pasta brisé, l'ho tagliata a spicchi (12), su ognuna ho messo un po' di marmellata (questa era stata fatta in casa) e ho arrotolotato ogni spicchio a creare delle piccole brioches.
Le ho messe in forno, pre riscaldato a 180 gradi, per 15 minuti... e felice domenica



martedì 24 aprile 2012

Butterfly


Se solo si potesse avere le ali ...







Crostoni al pesce spada:

* pane cotto su pietra (fa la differenza)
* peperoni (vedi ricetta) tagliati a listelle
* pesce spada grigliato anche qui tagliare a listelle




Per i peperoni:
2 peperoni
acciughe, capperi, foglie di origano





Tagliare i peperoni in quattro, privarli dei semi, adagiarli in una pirofila da forno e guarnirli con un pezzetto di acciuga, un cappero (io uso quelli belli e grandi da aperitivo) e qualche foglia di origano fresco. Mettere la pirofila in forno per 50 minuti a 200 gradi




domenica 22 aprile 2012

Love song



Domenica di lavoro, occorre partire con il piede giusto. Un paio di giorni fa dalla Parodi ho visto una ricetta di biscotti senza burro, perfetti per la stagione estiva. 








L'ho rielaborata mettendo un cuore al posto del classico tondo, riempito con la marmellata di fichi fatta in casa.

Ingredienti:
1 uovo
70 grammi di zucchero a velo
1 bustina di vanillina
1 tazzina di olio di semi
250 grammi di farina
marmellata


    
Preparazione: in un contenitore mescolare l'uovo con lo zucchero, unire la vanillina, l'olio e impastare almeno per 10 minuti. Stendere la pasta frolla con una matterello, con un bicchiere realizzare i tondi grandi, la metà ritagliarli con la formina a cuore. Farcire la base con la marmellata e ricoprire con il biscotto ritagliato a cuore. Disporre i biscotti nella teglia da forno, ricoperta con la carta. Cuocere in forno pre riscaldato a 180 gradi per 10, 15 minuti in base allo spessore della frolla.




giovedì 19 aprile 2012

Un classico per non sbagliare: pasta alla Norma



Pomodoro, melanzane, basilico e ricotta salata, un classico della cucina siciliana. 
Un omaggio di Catania al capolavoro di Vincenzo Bellini: 
La Norma






Ingredienti:
180 grammi pasta
1 barattolo di passata di pomodoro
1 melanzana
1 scalogno
ricotta salata qb
olio, sale, basilico











Tagliare lo scalogno a fettine, farlo imbiondire in una piccola casseruola, poi aggiungere la passata di pomodoro, aggiustare di sale e fare cuocere per pochi minuti, il tempo che la passata si rapprenda. 
A parte tagliare a fettina sottili la melanzana e friggerla in abbondante olio, mettele a scolare su un foglio di carta assorbente

Cuocere la pasta al dente, scolarla condirla con la passata, aggiungere le melanzane. Guarnire con una generosa spolverata di ricotta salata e del basilico.



mercoledì 18 aprile 2012

Elogio della semplicità: pane e acciughe

Pane con farina di ceci fatto in casa
burro di buona qualità e acciughe

una Menabrea ghiacciata

elogio della semplicità







lunedì 16 aprile 2012

Fluttuando


Vivere con la leggerezza 
degli antichi snob giapponesi, 
"dimenticando la realtà ... come una zucca vuota 
che galleggia sulla corrente del fiume"






Sulle pagine del diario della lunare Elodie Parker, a colpi di penna stilografica, alla maniera degli antichi poemi del guanciale giapponesi, rivivono le storie, le impressioni, le vicende, della gioventù della West Coast di inizio millennio 

domenica 15 aprile 2012

Nel guardaroba della Parigina

                                                     Sono andata in uno spaccio aziendale e non ho resistito davanti a una Cloche in paglia. Ma come ha detto una mia amica mi sono trovata nel carrello anche un paio di ballerine "a mia insaputa".




Così ho rispolverato il libro "La Parigina" guida allo chic di Ines de la Fressange. Sette i capi da avere assolutamente nel guardaroba: 
una giacca da uomo
un trench
un pullover blu marine
una canottiera
un tubino nero
dei jeans
e un bluson in pelle

 

L'immortale: il Burberry






"All'improvviso, eccone uno su un espositore Capiamo subito che è lì per noi"




giovedì 12 aprile 2012

Anche una zucchina può dire la sua






Ingredienti:

zucchine
aglio
1 peperoncino
un paio di filetti di acciuga
una manciata di mandorle
sale, olio evo, basilico qb







Fare scaldare un filo di olio in una padella con l'olio e il peperoncino, nel frattempo tagliare le zucchine. Il tempo di completare l'operazione e l'olio sarà a temperatura. Aggiungere le zucchine, farle rosolare un paio di minuti. Poco prima di togliere dal fuoco unire i filetti di acciuga e le mandorle (in questa caso ho usato le scaglie di mandorle). Ultimo tocco: il basilico fresco. 



L'abbinamento? Per esempio, dei muffin salati da usare al posto del pane.


mercoledì 11 aprile 2012

Il buongiorno si vede dal mattino

Cielo plumbeo, le previsioni che non promettono nulla di buono, fine settimana pessimo dal punto di vista meteo: più che primavera sembra di essere in autunno. Così questa mattina mi sono svegliata con la voglia di cucinare qualcosa di appropriato per la giornata. Una saporita torta salata con radicchio e taleggio. E una fetta me la porto al lavoro.




Ingredienti:
1 rotolo pasta brisé
1 caspo di radicchio
200 grammi taleggio
3 cucchiai di parmigiano
3 uova
1 scalogno
olio, sale pepe e vino bianco qb


Al lavoro: tagliare a listelle il radicchio, nel frattempo fare imbiondire lo scalogno nell'olio. Aggiungere il radicchio, sfumare con il vino bianco e cuocere per qualche minuto a fuoco vivace. Nel frattempo sbattere le uova, unire il parmigiano e il taleggio. Unire al composto il radicchio, sale e pepe e mettere l'impasto nella teglia dove avete steso la pasta brisé. In forno pre riscaldato a 180 gradi per 25 minuti ...



lunedì 9 aprile 2012

Tutta un'altra musica


Visto che nessuno mi ha posto la fatidica domanda “che cosa vuoi nell'uovo di Pasqua?", ma hanno fatto tutto da soli, oggi pomeriggio mi sono fiondata al centro commerciale per acquistare “Kitchen in love" di Valeria Benatti. Cucina, musica, letture, colori e tante storie che nascono attorno a una buona tavola. Un fondamentale contributo all'arte del sapere vivere da una giornalista-dj.



domenica 8 aprile 2012

Perfezioni&Imperfezioni



Perfetto: niente di simile

 potrebbe essere migliore








E poi ci sono le imperfezioni, 
un paio di Converse 
modello Chuck Taylor All-Stars, 
colore lilla, in un guardaroba reale








giovedì 5 aprile 2012

Prove tecniche di Pasqua

Per Pasqua a casa mia niente strage di agnelli, banditi dalla tavola da diversi anni. Si magia pesce e in attesa di dare gli ultimi ritocchi al menù, ho sperimentato dei veloci biscottini salati da smangiucchiare nell'attesa di sedersi a tavola, sorseggiando un calice di vino. Buoni anche per un informale aperitivo serale, se serviti con salumi e formaggi.

Biscotti salati alla salvia


Ingredienti per una ventina di biscotti:
180 grammi di farina
120 di burro
80 grammi di parmigiano
un pizzico di sale
salvia

Fate sciogliere il burro nel microonde, aggiungere il parmigiano, un pizzico di sale, la salvia sminuzzata a pezzettini piccoli piccoli e in ultimo la farina. Lavorare il composto fino a farlo diventare una palla omogenea, arrotolarlo tipo salame. Quindi tagliarlo a fette spesse, metterle sulla carta da forno, appoggiata sulla placa da forno.
In forno preriscaldato a 220 gradi per 10 minuti.

mercoledì 4 aprile 2012

Mollo tutto e cambio vita


Volto pagina e divento pure ricco e felice. Lui l'ha fatto. Lui ce l'ha fatta. Il lui in questione è Peter Mayle, tanto per esercitare la memoria ha lasciato l'Inghiterra per il sud della Francia, dove vive con moglie e un paio di cani. Faceva il pubblicitario, ha cambiato aria e si è messo a scrivere. Gli è andata più che bene. E' l'autore di "Un'ottima annata", un felice viaggio per immagini fra vino e Provenza. Da "Un anno in Provenza" ci hanno fatto una serie tv. E come ciliegina sulla torta i "mangiatori di rane" lo hanno pure insignito Cavaliere della Legion d'onore francese. 







Lezioni di francese è una guida di viaggio alla scoperta della Francia, usando forchetta, coltello e flute


martedì 3 aprile 2012

Più peperoncino, dolcezza!





I muffin? Cose da femminnuce. Più peperoncino e spezie, mi ha chiesto un amico sconsolato davanti alla ricetta dei dolcetti allo yogurt. Così ecco una prima soluzione: torta salata alle zucchine passate nel peperoncino.


Torta salata di zucchini e fiori 

Ingredienti per due persone

300 gr di zucchine verdi
120 gr ricotta di capra
2 cucchiai (generosi) di parmiggiano reggiano
1 uovo
1 cipollotto fresco
1 mazzetto di basilico fresco
2 fiori di zucca
sale e olió evo qb
peperoncino


Mettere a scaldare una padella sul fuoco, unire un filo di olio evo, il cipollato tagliato sottile e il peperoncino. Lasciare imbiondire per qualche minuto. Aggiungere le zucchine, tagliate a cubetti e fare cuocere per 7/8 minuti, all'ultimo unire il basilico a pezzetti.

Nel frattempo rompere l'uovo, unire la ricotta e il grana, aggiustare di sale. Quando le zucchine sono pronte aggiungerle all'altro composto.

Stendere la frolla in una teglia da forno (per non farla attaccare usare della carta da forno, oppure del burro). Farcire la torta, guarnire con i fiori di zucca e farla cuocere per 45 minuti a 180 gradi, forno preriscaldato.





Per la frolla

100 gr farina bianca
50 gr farina integrale
75 gr burro
25 gr di acqua
1 pizzico di sale

Mettere tutti gli ingredienti nel mixer, tranne l'acqua, fino a  rendere il composto sabbioso. All'ultimo unire l'acqua, quando si forma la palla la pasta frolla è pronta.







lunedì 2 aprile 2012

Pomeriggio vintage






“In quell'estate avevo diciassette anni 
ed ero perfettamente felice. 
Gli "altri" erano mio padre ed Elsa, la sua amante".

Françoise Sagan, Bonjour tristesse, Longanesi, traduzione di Ruggero Sandanieli





Attualissimo, come se il 1954 fosse appena dietro l'angolo. Da leggere e rileggere: Cecilia, terribile diciassettenne francese in vacanza in una villa in prossimità di Nizza assieme al padre vedovo e alla sua amica Elsa, a cui presto si aggiunge l'affascinante Anna. Protagonisti della pellicola: Jean Seberg, David Niven e Deborah Kerr.




Erano gli anni della Nouvelle Vague
erano gli anni Sessanta, c'era un'icona di stile americana ma dal perfetto 
allure franceseJean Seberg







A lei è dedicato anche un omaggio 
postumo nel film Forrest Gump 


Il personaggio amato 
dal protagonista — Jenny Curran — è 
ispirato alla sua figura







À bout de souffle

(Fino all'ultimo respiro)
sorridente venditrice dell’Herald Tribune 
sugli Champs-Elysées


domenica 1 aprile 2012

La ricetta è arrivata: spaghetti mediterranei al pesce spada



Questo post è per una mia collega. Ieri quando ho visto materializzarsi il suo numero sul mio cellulare ho visto frantumarsi i sogni delle perpuere e le mostre inaugurate che riempivano la mia pagina di giornale. Da scatenata della cronaca giudiziaria/nera, ho temuto il peggio. Invece, no. Voleva la ricetta dei muffin, siccome aveva il computer spento, ha chiamato la fonte. Finita così? No, ci ha fatto pure l'aggiunta. Ha rilanciato col pesce spada, una ricettina facile facile, possibilmente in prima mattinata così da rifarla per pranzo. Sono arrivata un po' lunga per il pranzo, sarà una soluzione per la cena ...



Spaghetti mediterranei 
al pesce spada

Ingredienti per due persone:

150 gr.pesce spada
150 gr. pomodorini ciliegini
160 gr. spaghetti
1 melanzana piccola
capperi
basilico
olio d'oliva
scalogno
vino bianco
olive



Mettere a bollire l'acqua in una pentola. Nel frattempo fare imbiondire lo scalogno nell'olio. Tagliare la melanzana a cubetti, farla rosolare nell'olio, poi aggiungere il pesce spada sempre a cubetti, sfumare con il vino bianco. Aggiungere i pomodorini, i capperi e le olive, salare, pepare e portare a cottura. Scolare gli spaghetti, passarli nella padella con il sugo e guarnire con il basilico