martedì 31 dicembre 2013

Happy New Year in red



Fine dell'era cool. Il Corriere della Sera, mia lettura preferita del sabato mattina, decreta la sua fine 
per un più appropriato “piacevole"
Vuoi essere alla moda? Evita la parola cool
Anche in inglese è stato sostituito con “delightful". 





Ci ha pensato una donna, Marissa Mayer, mamma, lavoratrice (è soltanto il Ceo di Yahoo, una bazzecola) e rappresentante del potere declinato al femminile, dove l'autorevolezza conta più dell'imposizione. Prendiamo esempio da Marissa è considerato che alla vigilia del nuovo anno almeno un buon proposito va espresso, nel 2014, mettiamo più gentilezza nelle nostre vite. E ora una "piacevole" ricettina, declinata in rosso come vuole la notte di San Silvestro. 




Toploader - Dancing in the Moonlight


Ricettina per due persone: risotto 
con radicchio, melagrana 
mantecato con il taleggio 
da accompagnare con le bollicine 
per un brindisi a tu per tu, senza tanti intrusi







150 gr riso carnaroli
200 gr di radicchio
50/60 gr di taleggio
1 scalogno
1 noce di burro
1 bicchierino di vino bianco secco
una manciata di chicchi di melagrana 
brodo  vegetale 


Mettere una padella antiaderente sul fuoco. Fare imbiondire lo scalogno tagliato a velo in una noce di burro. A parte, in un pentolino, preparare il brodo di cottura con il dado, oppure se avete tempo preparatelo prima con le verdure quelle vere (carota, cipolla, sedano), il risultato e' decisamente migliore.

Tostare il riso per un paio di minuti a fiamma vivace, sfumare con il vino. Aggiungere il radicchio tagliato a striscioline sottili, a metà cottura aggiungere la melagrana (tenerne a parte un paio di chicchi per la decorazione). Cuocere il risotto aggiungendo poco alla volta il brodo.

A fine cottura mantecare con il taleggio. Per impiattare usare il coppapasta e come guarnizione usare qualche chicco di melagrana avanzato.

domenica 8 dicembre 2013

White on White


Mi piace l'allure del Natale nordico
Le sue sfumature fredde 

Bianco tantissimo bianco, ovunque 
Le linee pulite delle decorazioni 

Le pennellate di grigio e del legno 
Il rosso rubino che riscalda il cuore 

I cristalli, le candele 
Le decorazioni preziose della seta cruda 
E, con con equilibrio, piume, lustrini e strass
che a casa mia non mancano mai




Fra i mie indirizzi on line preferiti
continua fonte di ispirazione
vi consiglio un giretto da queste parti:






Mousse di cioccolato bianco







Ingredienti per quattro persone



150 gr cioccolato bianco
200 gr panna liquida
4 uova
granella di pistacchi qb



Sciogliere a bagno maria il cioccolato bianco, aggiungere 50 gr di panna. Separare gli albumi dai tuorli.

Quando il cioccolato è fuso unire le uova, mescolando con la frusta. Montare a neve gli albumi. Incorporarle al cioccolato, partendo dal basso verso l'alto per non fare sgonfiare le chiare montate. Stesso procedimento con il resto della panna, montata a neve.

Prendere quattro bicchierini, dividere la mousse e metterli in frigo per un paio di ore. Servire con la granella di pistacchi.



Infine un doveroso omaggio in stile white




Imagine - John Lennon (1971)






domenica 1 dicembre 2013

Cookies poco complicati


Contro le telerisse voto Fiammetta Fadda. La sua abilità nel commentare prove di cucina mal riuscite è continua fonte d'ispirazione per destreggiarsi nella jiungla quotidiana delle parole. Per esempio, il suo "complicato" e' una via di uscita diplomatica da conversazioni scomode che non promettono nulla di buono. 


Sei una "persona complicata" non ferisce, mette distanza e ... non complica la vita











Per restare in tema di cibo e complicazioni, questi sono biscottini poco complicati. Fanno subito atmosfera natalizia e sono a prova di neofita. Perché il 1 dicembre, in casa, un segnale di festa va dato.



Ingredienti:

250 gr di farina
125 gr di burro freddo
100 gr di zucchero a velo
1 presa di sale
scorza di limone/arancio
1 uovo










Con il mixer servono forse 5 minuti. Unire farina, burro, zucchero a velo, scorza di limone, azionare fino a rendere un composto sabbioso. Aggiungere l'uovo e appena si forma la palla spegnere. Mettere l'impasto a riposare in frigo per un'ora nella pellicola trasparente. 

Muniti di tagliere, matterello e formine natalizie ricavare i biscottini. Tenere uno spessore di 1 centimetro. Prendere un foglio da carta da forno, adagiare i biscottini sulla teglia e metterli in forno per 13/14 minuti a 160 gradi preriscaldato. 

Un po' di zucchero a velo e la prima prova di Natale e' servita.




domenica 3 novembre 2013

Comfort, slow & soul



E’ ufficialmente partita la stagione del comfort food, vero cibo per l’anima, da preparare con cura, usando quello che c’è in casa. Per esempio quel filino di panna in più avanzata dalla preparazione di un dolce che proprio non si sa dove mettere. In questa ricetta la panna è facoltativa, ma a golosità fa la differenza.


Vellutata di patate e porri




Ingredienti per 2 persone:

250 gr di patate
2 porri 
2 foglie di alloro
burro di capra, olio evo qb
panna liquida fresca qb
formaggio di fossa qb
sale e pepe qb



Mettere in una casseruola una noce di burro di capra, un filo di olio e due foglie di alloro, nel frattempo pulire i porri tagliarli a rondelle, metterli nella casseruola e farli stufare a fuoco medio basso. Pulire le patate, tagliarle a tocchetti piccolini, unirle ai porri e lasciare cuocere per un paio di minuti. 

Coprire le verdure con dell’acqua calda e fare cuocere per circa 40 minuti a fuoco medio, poco prima di finire la cottura regolare di sale. Con un frullatore a immersione ridurre le verdure in crema, aggiungere qualche cucchiaio di panna, lasciare cuocere per un paio di minuti. Servire con scaglie di formaggio di fossa, una macinata di pepe fresco e un filo di olio.



venerdì 25 ottobre 2013

La mia insalatina autunnale (preferita)


Ci sono le insalate estive, fresche, leggere, un vero tocca sana per combattere l'afa. E poi ci sono quelle autunnali, ricche di frutta secca, condite con un filo di miele e un pizzico di peperoncino, accostamento ardito da maneggiare con cura.



Roberto Ciotti - No more blue 


La mia insalatina autunnale preferita 
è a base di insalata mista, sedano
noci, qualche scaglia di formaggio di capra 
e in questo caso una pera

Il pane perfetto è quello di farina di castagne 
Aggiungere un calice di vino, rigorosamente rosso
una buona compagnia e una futura promessa   scandita dal vibrare dei cristalli che si incontrano






Per la vinaigrette: miele, aceto balsamico, olio, sale e peperoncino, lasciare macerare per un paio di ore prima di condire l'insalata ...


lunedì 14 ottobre 2013

Risate&Risotti


Pranzo della domenica con le “amiche di penna"


Metti insieme un classico dell'autunno: la zucca, cinque donne perfide qb e una quantità smodata di indiscrezioni oltre i limiti della querela ... 









... il risultato? risate&risotti, ma anche un arrosto di maiale con arancia e brandy, formaggetti con conserve fatte in case, un vassoio stracolmo di pasticcini e una fantastica torta cioccolato e pere.




Risotto con zucca e taleggio

Ingredienti per 5 persone:

450 gr riso carnaroli
200 gr taleggio
400 gr di zucca già pulita
1 noce di burro di capra
1 bicchiere di vino bianco
1 manciata di formaggio grana
scalogno, olio evo e sape qb
rosmarino e pepe di Sichuan per guarnire





Per prima cosa pulire la zucca, ricavarne 400 grammi di polpa. Tagliatela a dadini e mettetela a cuocere in una pirofila con acqua (1 litro quello che avanza potrà servire come acqua di cottura per il risotto), un ciuffo di rosmarino e sale. Cuocere a fuoco lento per circa 40 minuti.

Tagliare a velo lo scalogno, metterlo ad appassire con una noce di burro in una padella, per un paio di minuti. In contemporanea fare scaldare l'acqua di cottura della zucca. Mettere a tostare i riso nella padella, sfumare con il vino bianco. Aggiungere la zucca e iniziare la cottura aggiungendo l'acqua calda poco a poco. Quando mancano un paio di minuti alla cottura aggiungere il taleggio tagliato a pezzettini, un paio di ciuffi di rosmarino, regolare di sale e mantecare con una manciata di grana. Servire con una spolvera fresca di pepe di Sichuam. 



sabato 28 settembre 2013

Arriva l'autunno, prendete spunto da quella musona di Margot




Prima regola: vietato sorridere

Seguono le regole: caschetto beige, molletta rossa, guardaroba che vira sul beige, tanti mocassini, Kelly beige, sottoveste beige, unica variazione sul tema l'abitino a righine Lacoste. 





Poi c'è il capitolo fumo, dall'effetto smoky eyes alla meno politically correct sigaretta. Da evitare accuratamente le pelliccetta, a meno che sia in versione sintetica.






E' lo stile Margot Tenenbaums
stagionato quel tanto che basta da essere riposto nell'armadio vintage





Per una musona del genere: Brownies di Camille





Ingredienti 

2 uova
100 gr zucchero di canna chiaro

200 gr carote
50 gr mandorle
1/2 succo di limone

60 gr olio di semi
150 gr farina semi integrale
1 bustina di vanillina
zucchero a velo qb


Pulire le carote metterle nel mixer insieme alle mandorle. Bagnare la polpa ottenuta con il succo di mezzo limone. In una ciotola montare con un frullino elettrico le uova con lo zucchero fino a ottenere un composto spumoso. Delicatamente unire l'olio, la farina setacciata con il lievito, la vanillina. Amalgamare il tutto. Mettere il composto in una teglia per torte quadrato. Per evitare di imburrarla, usare la carta da forno, meglio se leggermente bagnata così è più agevole da fare aderire ai bordi. Cuocere in forno 180 gradi, preriscaldato, per 50 minuti.




Servire la torta a quadretti con una spolverata di zucchero a velo, alla maniera dei brownies.






La frase da ricordare:
"Penso che dovremmo amarci segretamente e lasciare le cose come stanno…"



martedì 10 settembre 2013

Single plumcake


E poi arriva settembre. Non resta alto da fare se non usare un filtro di colore rosa, godersi le ombre sulla spiaggia che si fanno via via sempre più lunghe, e riscrivere i propri progetti di vita ... partendo da un single plumcake 

con lamponi, of course






Ingredienti

110 gr farina semintegrale
1 bustina di vanillina
1/2 cucchiaino di lievito per dolci

1 uovo
40 gr zucchero
2 cucchiai di olio di semi
80 gr di latte 
1 manciata di lamponi








In una ciotola setacciare la farina con il lievito, aggiungere la vanillina. In un altra con una frusta sbattere l'uovo con lo zucchero, aggiungere l'olio di semi e il latte.
Unire i due composti e amalgamare il tutto fino a quando saranno spariti i grumi. Per ultimo aggiungere i lamponi, mescolando delicatamente.
Mettere il composto in uno stampino da plumcake, in forno a 180 gradi (precedentemente riscaldato) per 50 minuti.




Colazione, progetti e una camminata lungo la palata 
(Rimini - #summer2013)


giovedì 29 agosto 2013

Grazia.it Blogger We Want You!



Giornalista con il pallino dei fornelli 
Penso, impasto, impiatto, scatto foto 

Il risultato? 
Cibo per l'anima con un retrogusto chic 
perché la vita è una rappresentazione 
a cui dare valore



Soprattutto sono ricettine, con un pizzico di buona musica, vecchi film e qualche pensiero qb. Questo è lavandatacchiaspillo.blogspot.it  un piacevole intermezzo, una frase ironica e qualche suggerimento facile e d'effetto da portare in tavola, nella convinzione che un mondo migliore lo si costruisce a partire da ciò che mettiamo nel piatto. 


Il passaggio chiave di GRAZIA.IT MANIFESTO 
 è sintetizzato in due righe da SIMONE SBARBATI : 

“L’italian lifestyle è rimboccarsi 
le maniche e usare le mani 
L’italian lifestyle è riempire l’apparenza 
con la sostanza e la materia"


Sagge parole


Il canale di Grazia che seguo di più?
Ovviamente IT Lifestyle


domenica 25 agosto 2013

Happy Bday a me


Tutto sommato con il tempo che passa io ho un ottimo rapporto, oserei dire sereno, tranquillo, per questo B-day per esempio mi sono regalata l'hashtag #meno1dalBaratro perché la vita va affrontata in maniera positiva, anzi con un paio di occhiali da sole con le lenti rosa ... e il senso dell'ironia non è mai troppo: 


Happy B-day Antonella

... e in attesa di festeggiare 
una felice pausa pranzo in porzioni mignon ...




Ingredienti per due persone:

Vellutata di ceci 
1 scatola di ceci precotti
2 capesante 
olio evo e burro di capra qb
sale e pepe qb
1/2 bicchiere di vino bianco
rosmarino 
1 scalogno





Tagliare a fettine lo scalogno, farlo imbiondire in una casseruola con un cucchiaio di olio evo. Nel frattempo lavare sotto l'acqua corrente i ceci, metterli nella casseruola e farli rosolare per un minuto. Coprirli con l'acqua e farli cuocere a fuoco medio coperti per 15 minuti con un rametto di rosmarino. Poco prima di toglierli dal fuoco regolare di sale. Togliere il rosmarino, aggiungere il pepe fresco, con un frullatore a immersione ridurli a vellutata. 
Lavare le capesante, metterle a cuocere in una padella con un pezzettino di burro e il vino. Bastano 10 minuti, meglio se con il coperchio così si mantengono più morbide.
Prendere due cocottine, dividere la vellutata, aggiungere al centro le capesante, guarnire con qualche ago di rosmarino.


Fichi grigliati con ricotta
due fichi
50 gr ricotta di capra
zucchero di canna chiaro
1 cucchiaio di miele
rosmarino e cannella






Almeno un'ora prima lavorare la ricotta con il miele, metterla in frigo a riposare.
Accendere il forno a 220 gradi funzione grill. Nel frattempo lavare i fichi, toglierli il picciolo e tagliarli a croce fino a metà, spolverizzarli di zucchero e nel centro un ciuffetto di rosmarino. 
Metterli in una pirofila in forno per 10 minutiServirli con ricotta e cannella.

lunedì 5 agosto 2013

Luoghi effimeri e perenni certezze


#SweetSummerMoment

#Pesto alla siciliana





“O stella, o fedele stella, quando ti deciderai a darmi un appuntamento meno effimero, lontano da tutto, nella tua regione di perenne certezza?"

Il Gattopardo (1963)




Omaggio alla Sicilia 
ai suoi profumi, odori e sapori
ai suoi eccessi barocchi
“alla vanità che è più forte della miseria"

Pesto alla siciliana per due persone (abbondante)






120 grammi di pomodori maturi
25 grammi di caciocavallo
50 grammi ricotta di pecora
20 grammi di mandorle
1 mazzetto di basilico
aglio qb
sale e olio evo qb


Mettere in una ciotola capiente e profonda tutti gli ingredienti, aggiungere un pizzico di sale e un filo di olio evo. Con un frullatore a immersione ridurli in crema. 
A parte cuocere la pasta e tirarla in padella con un paio di cucchiai di pesto. 

Il consiglio di Anna l'amica siciliana: aggiungi qualche pomodorino secco vedrai che buono. Da provare

domenica 28 luglio 2013

Esercizi di nuova vita


#SummerSweetMoment

#Vellutata (fredda) di piselli





Mi sono distratta un attimo, rapita da telefonini, computer e tablet, sempre connessa con il mondo che all'improvviso oziare è diventato qualcosa di cui vergognarsi. Il mondo va avanti, prendersi il lusso di starsene un po' a riposo, a giocare con i pensieri, appare qualcosa di riprovevole. 

Invece no, il riposo fa bene. E il mondo non può essere sempre h24. Insieme alla spesa a chilometro zero, è indispensabile tornare a respirare. 

Esercizi di nuova vita: due ore a sonnecchiare sul divano, con le tende accarezzate dal vento, mentre fuori si bolle dal caldo.




Pink Floyd Money Official Music Video HD




E mentre il mondo inesorabile va avanti h24
preparo una vellutata 
Le verdure borbottano nella pentola, io riposo 



Ingredienti per due persone:

2 tazzine da caffè di piselli
1 zucchina piccola
1 patata media
2 cucchiai olio evo
sale, pepe, erba cipollina qb




Tagliare a pezzetti piccoli la patata e la zucchina. Prendere una casseruola e mettere a cuocere le verdure con 4 tazzine di acqua, salare e fare bollire con il coperchio per 20 minuti.
Una volta ristretto il composto, con il frullatore a immersione frullare le verdure, aggiungere un po' di pepe e 2 cucchiai di olio evo. 
Servire a temperatura ambiente nei bicchierini con una spolverata di erba cipollina.

domenica 21 luglio 2013

“Goditi potere e bellezza della tua gioventù"



#SweetSummerMoment

#Bollito estivo







Capita. Quando meno te lo aspetti ti ritrovi lì:
Ricominciare da dove? 
Bella domanda, ci sto lavorando...








Rilassati...

Non sentirti in colpa se non sai cosa vuoi fare della tua vita. Le persone più interessanti che conosco, a ventidue anni non sapevano che fare della loro vita. I quarantenni più interessanti che conosco, ancora non lo sanno...

Sii cauto nell'accettare consigli, ma sii paziente con chi li dispensa. I consigli sono una forma di nostalgia. Dispensarli è un modo di ripescare il passato dal dimenticatoio, ripulirlo, passare la vernice sulle parti più brutte e riciclarlo per più di quel che valga.

Ma accetta il consiglio, per questa volta! 

The Big Kahuna - Phil Cooper (Danny DeVito)







Ingredienti per due persone

250 grammi di carne di manzo
un osso da brodo
2 patate medie
250 gr fagiolini

sale, pepe in grani, chiodi di garofano, alloro
1 cipolla piccola, prezzemolo
olio e aceto balsamico qb


Fare cuocere lentamente per due ore la carne di manzo in una pentola di acqua salata, con il pepe in grani, i chiodi di garofano, un paio di foglie di alloro e una cipolla.
A parte cuocere al vapore le patate tagliate a fettine (circa 15/20 minuti) e i fagiolini (circa 20/25 minuti).
Impiattare, condire con olio evo, aceto balsamico e guarnire con il prezzemolo.










Stella si è conquistata il suo osso